Rete irrigua dei distretti ricadenti nella Valdichiana Senese alimentata dall'invaso di Montedoglio. 1° Stralcio Funzionale - Lotto 1

  • Anno: 2013
  • Committente: Provincia di Siena
  • Settore: Idraulica
  • Tipologia del servizio: Progettazione esecutiva

  • Partners: Consorzio Stabile SYNCOS S.c.ar.l.
  • Importo dei Lavori: 8'066'000,00 €

Il presente "1° Stralcio funzionale della nuova rete irrigua dei distretti ricadenti nella Valdichiana Senese alimentata dall’invaso di Montedoglio", in grado di fornire il servizio di irrigazione ad un territorio di circa 950 ha, è parte integrante del “Progetto generale di massima dell’irrigazione dei territori umbro-toscani di competenza dell’Ente” (Ente Irriguo Umbro Toscano, già Ente autonomo per la Bonifica, l’Irrigazione e la Valorizzazione Fondiaria delle province di Arezzo, Perugia, Siena e Terni), che individua zone irrigue per complessivi 175.000 ha, le quali verranno tutte servite per caduta naturale da invasi artificiali, uno per ciascuno dei distretti irrigui in cui è stata suddivisa l’area di pertinenza. L’area irrigua della Val di Chiana Senese è posta all'interno del più generale "Sistema Occidentale", costituito da 37’100 ha in provincia di Arezzo, 8’150 ha in provincia di Siena e 3’750 ha in provincia di Perugia, per un totale di 59.300 ha.

Il progetto esecutivo del lotto in oggetto prevede il collegamento della condotta principale di distribuzione della rete alla condotta in uscita dalla "Vasca di Compenso 42+43" dell’E.A.U.T. (attualmente in fase di esecuzione ed esclusa dal presente appalto) che alimenterà a gravità tutta la rete irrigua sottesa.

Dal serbatoio di compenso si sviluppa per una lunghezza complessiva di circa 4370 m la condotta principale, costituita da tubazioni in ghisa sferoidale (conformi alla UNI EN 545) di diametro variabile tra DN 1000 mm e DN 450 mm, la quale attraversa viabilità pubbliche comunali e provinciali, corsi d'acqua (tra cui il Canale Maestro della Chiana), tubazioni del metano di grande diametro gestite da Snam Rete Gas nonché la linea ferroviaria dell’Alta Velocità Firenze-Roma.

La risoluzione di tutte le interferenze fra le condotte irrigue di progetto e le infrastrutture esistenti è stato progettata in modo da semplificare le operazioni di esecuzione dei lavori e ridurre i rischi per le maestranze impegnate, ma anche cercando di non compromettere la funzionalità dell'infrastruttura interferente che, in alcuni casi (Snam rete gas e linea ferroviaria Alta Velocità), rivestono importanza strategica.

Dalla Condotta Principale si sviluppano le Condotte Diramatrici costituenti i rami della rete, realizzate con tubazioni in ghisa sferoidale (conformi alla UNI EN 545 e con diametri variabili tra 700mm e 400mm) e in PVC-U PN16 S8-SDR17 (conformi alla UN EN 1452 e con diametri variabili tra 400mm e 160mm), per una lunghezza complessiva di circa 15’665 m (5’520 m di condotte in PVC e 10’145 m di condotte in ghisa sferoidale).

Nel presente progetto esecutivo inoltre, recependo le indicazioni contenute nel progetto definitivo in appalto e sviluppando le migliorie tecniche proposte in fase di gara, è stato introdotto un impianto ad energia rinnovabile (microturbina Pelton a 3 getti) per il recupero energetico a valle della rete di distribuzione irrigua, prima della consegna della portata grezza destinata ai trattamenti idropotabili previsti presso l’impianto di Potabilizzazione di Montepulciano, gestito da Nuove Acque S.p.A. gestore del Servizio idrico Integrato dell’ATO 4 Toscana.

 

 pdfScarica il documento completo